SCIENZE DA SCOPRIRE VOLUME 1

Verso l’interrogazione 1. Come si può classificare un vivente? Che cos’è una specie? Le specie viventi sulla Terra hanno caratteristiche comuni che permettono di raggrupparle e differenze che permettono di distinguerle le une dalle altre. La specie è un gruppo riproduttivo di organismi simili determinato dalla natura. All’interno di ogni specie esiste una certa variabilità. Un utile strumento per classificare è la chiave analitica. Gli individui che appartengono alla stessa specie sono determinati utilizzando la nomenclatura binomia ideata nel Settecento da Carlo Linneo. 2. Quali categorie sistematiche sono usate per classificare i viventi? Gli scienziati hanno raggruppato i viventi in categorie sistematiche, gruppi più vasti delle specie, che comprendono organismi con “grado di parentela” sempre meno evidente: i generi, le famiglie, gli ordini, le classi, i tipi. 3. Che cosa s’intende per “caratteri tipici” di un gruppo di viventi? Per stabilire il grado di parentela tra i viventi si confrontano i caratteri tipici, cioè quelle caratteristiche possedute solo da un gruppo di organismi. I caratteri tipici sono criteri di classificazione. 4. In base a quali criteri sono classificati gli organismi? I biologi hanno classificato gli organismi in cinque regni tenendo conto non solo degli organi interni ed esterni, ma anche delle somiglianze a livello chimico, genetico, evolutivo. 5. Come si classificano i vertebrati? I vertebrati hanno tutti l’endoscheletro con colonna vertebrale e un corpo organizzato secondo un modello comune. Sono suddivisi in classi che si differenziano per i caratteri tipici; le classi più note sono: pesci, anfibi, rettili, uccelli, mammiferi. 6. Come si classificano gli invertebrati? Gli invertebrati sono un gruppo di animali molto diversi tra loro che hanno la caratteristica comune di non presentare uno scheletro interno. Sono invertebrati i poriferi, i celenterati, i platelminti, i nematodi, gli anellidi, i molluschi, gli artropodi, gli echinodermi. 7. In base a quali criteri sono classificati i vegetali? I vegetali si suddividono in base alla loro evoluzione e tenendo conto di caratteri tipici come la presenza o meno di vasi conduttori e le modalità riproduttive, con semi o senza. Le piante sono classificate in: angiosperme, gimnosperme, pteridofite, briofite e alghe.
Verso l’interrogazione 1. Come si può classificare un vivente? Che cos’è una specie? Le specie viventi sulla Terra hanno caratteristiche comuni che permettono di raggrupparle e differenze che permettono di distinguerle le une dalle altre. La specie è un gruppo riproduttivo di organismi simili determinato dalla natura. All’interno di ogni specie esiste una certa variabilità. Un utile strumento per classificare è la chiave analitica. Gli individui che appartengono alla stessa specie sono determinati utilizzando la nomenclatura binomia ideata nel Settecento da Carlo Linneo.  2. Quali categorie sistematiche sono usate per classificare i viventi? Gli scienziati hanno raggruppato i viventi in categorie sistematiche, gruppi più vasti delle specie, che comprendono organismi con “grado di parentela” sempre meno evidente: i generi, le famiglie, gli ordini, le classi, i tipi.  3. Che cosa s’intende per “caratteri tipici” di un gruppo di viventi? Per stabilire il grado di parentela tra i viventi si confrontano i caratteri tipici, cioè quelle caratteristiche possedute solo da un gruppo di organismi. I caratteri tipici sono criteri di classificazione. 4. In base a quali criteri sono classificati gli organismi? I biologi hanno classificato gli organismi in cinque regni tenendo conto non solo degli organi interni ed esterni, ma anche delle somiglianze a livello chimico, genetico, evolutivo.  5. Come si classificano i vertebrati? I vertebrati hanno tutti l’endoscheletro con colonna vertebrale e un corpo organizzato secondo un modello comune. Sono suddivisi in classi che si differenziano per i caratteri tipici; le classi più note sono: pesci, anfibi, rettili, uccelli, mammiferi. 6. Come si classificano gli invertebrati? Gli invertebrati sono un gruppo di animali molto diversi tra loro che hanno la caratteristica comune di non presentare uno scheletro interno. Sono invertebrati i poriferi, i celenterati, i platelminti, i nematodi, gli anellidi, i molluschi, gli artropodi, gli echinodermi. 7. In base a quali criteri sono classificati i vegetali? I vegetali si suddividono in base alla loro evoluzione e tenendo conto di caratteri tipici come la presenza o meno di vasi conduttori e le modalità riproduttive, con semi o senza. Le piante sono classificate in: angiosperme, gimnosperme, pteridofite, briofite e alghe.