SCIENZE DA SCOPRIRE VOLUME 1

3 I batteri I batteri, insieme ai cianobatteri o alghe azzurre e agli archeobatteri, appartengono al regno delle monere. Sono organismi unicellulari procarioti, cioè con il materiale nucleare sparso nel citoplasma, e assomigliano moltissimo alle prime forme di vita comparse sulla Terra. SCOPRI OSSERVA 9 Gli archei possono avere forma sferica, lobata, a bastoncino, a spirale, rettangolare o irregolare. SCOPRI OSSERVA Analizza Come si nutrono i cianobatteri? Da che cosa dipendono i colori sgargianti delle acque? 11 La proliferazione di cianobatteri sul lago Natron in Tanzania rende letali le acque per la quasi totalità delle forme di vita animale. HAI CAPITO CHE... I batteri, gli archeobatteri e i cianobatteri appartengono al regno delle monere. Sono tutti unicellulari procarioti e sono molto simili alle prime forme di vita apparse sul nostro pianeta. 360 Unità 14 Che tipo di organismi sono gli archeobatteri? Gli archeobatteri o archei ( 9 ) sono stati scoperti solo qualche decina di anni fa. Sono gli organismi più antichi e sono capaci di vivere in condizioni estreme, dove non esistono altre forme di vita, come nelle acque caldissime dei geyser ( 10 ) e dei vulcani sottomarini, in quelle molto salate o in quelle molto acide. La cellula di 10 cui sono formati è più piccola della cellula batterica ed è formata da composti diversi da quelli presenti nei batteri. Gli archeobatteri sono autotrofi ma non compiono la fotosintesi, perché ottengono composti organici attraverso altre reazioni chimiche. Alcuni producono il metano a partire dall anidride carbonica e dall idrogeno. Che tipo di organismi sono i cianobatteri? I cianobatteri, detti anche alghe azzurre, sono organismi autotrofi: compiono cioè la fotosintesi e contengono clorofilla e altri pigmenti di diverso colore. Nonostante il loro nome non sono tutti azzurri, ma possono essere anche gialli, rossi, verdi o viola. Come i batteri, hanno dimensioni microscopiche ma formano lunghi filamenti di cellule che galleggiano sull acqua e che si possono vedere a occhio nudo ( 11 ). Si pensa che siano stati i responsabili della produzione di ossigeno che ha cambiato la composizione dell atmosfera primitiva terrestre. Vivono in tutti gli ambienti umidi come stagni, fontane, prati e sono adatti anche agli ambienti estremi come le sorgenti termali e i ghiacci dei poli.

SCIENZE DA SCOPRIRE VOLUME 1