6. Le leggi di Ohm

6 Le leggi di Ohm Fino ad ora hai analizzato le tre grandezze elettriche, differenza di potenziale, intensità e resistenza e hai capito che sono legate tra di loro. Agli inizi dell Ottocento Georg Simon Ohm ( 32 ), in seguito a una serie di esperimenti sui circuiti elettrici, formulò due leggi che regolano le relazioni matematiche che esistono tra queste grandezze. SCOPRI OSSERVA Qual è la relazione matematica tra differenza enza di potenziale, intensità di corrente e resistenza? tenza? mati da un Negli schemi sono rappresentati dei circuiti formati filo conduttore, una pila e una lampadina. Nello schema 33 le pile sono rispettivamente di 4,5 V e di 9 V, perciò i due circuiti hanno diversa differenza fferenza di potenziale. La lampadina più luminosa è quella che fa parte del circuito con la pila più potente : a parità à di conduttore, se si aumenta la differenza di potenziale, l intensità della luce aumenta perché è aumentata l intensità di corrente. 32 Georg Simon Ohm Analizza Che cosa varia nei due circuiti? Quale lampadina appare più luminosa? Perché? 33 (1789-1854). Nello schema 34 i fili conduttori sono di materiali diversi, il secondo oppone maggiore resistenza al passaggio di corrente. La lampadina meno luminosa è quella che fa parte del circuito con il filo conduttore che oppone maggiore resistenza al passaggio della corrente: a parità di differenza potenziale, se si aumenta la resistenza del conduttore, l intensità della luce diminuisce. Analizza 34 Che cosa varia nei due circuiti? Quale lampadina appare più luminosa? Perché? L elettricità 17
6. Le leggi di Ohm